Chiacchierando con voi Film

Nel periodo dove abbiamo solo storie senza fine, ‘Avengers: Endgame’ ci sta insegnando come dire addio!

Niente Spoiler giuro! :)

Ebbene si, la rossa e il suo Mr Big ieri al cinema per questa super extra maratona di 3 ore e qualche minuto. Per la prima volta in un film di Avengers, non ci sono scene extra di medio credito o punzecchiature finali per suggerire ciò che deve ancora venire nella serie. La bellezza di “Endgame” sta nel fatto che è davvero un finale.

Considerate: nel decennio che “Iron Man” ha fatto esplodere il franchise di Avengers nella stratosfera cinematografica, milioni di giovani e adolescenti hanno raggiunto la maggiore età senza mai sperimentare una cultura cinematografica che non ruota attorno al personaggio iconico di Robert Downey Jr. o il coraggioso Capitan America di Chris Evans o la fredda vedova nera di Scarlett Johansson o il misterioso auto-deprecating di Chris Hemsworth o l’affascinate Hulk di Mark Ruffalo. Per i loro antenati, il costante drumbeat dei film di Avengers è stato un caldo bagno di nostalgia, una scommessa affidabile per il loro divertimento in famiglia in quanto hanno cercato un motivo per strapparsi via dai loro televisori a grande schermo. Per i loro figli e nipoti, questo non è solo quello che sembravano i film – questo è quello che erano i film. E parte di quel DNA essenziale era che, anche se si fossero fermati, non erano mai veramente finiti. C’era sempre un’altra puntata dietro la curva.

Potrebbe scioccarli per sapere che non è sempre stato così.

Con la saga di “Avengers” e il “Game of Thrones” (zitti tutti che ancora alla seconda stagione stò)più profondo di quest’anno, i poli chiave della cultura comune dei primi del 21 ° secolo stanno costringendo i loro fan a cimentarsi con idee di chiusura, assenza e perdita interiore che probabilmente lasceranno i loro fan più giovani delusi nel migliore dei casi, sconsolati nel peggiore dei casi. Avremmo potuto scoprire che il modo migliore per controllare era di controllare tutto il tempo, sempre, per sempre – ma nulla è per sempre, come “Endgame” ci ricorda con solennità elegiaca e genuina emozione che sono sicuri di imboscare anche i fan più scettici.

Qualsiasi film basato su un libro di fumetti ha il diritto – anche l’obbligo – di giocare veloce e libero con la mortalità, sia attraverso poteri soprannaturali, viaggi nel tempo o la fisica quantistica dell’estensione del marchio. Proprio come la morte di “Avengers: Infinity War” non poteva essere necessariamente la finale, quindi una sfilza di film e programmi televisivi a venire promettono di sostenere i nostri personaggi più amati o di rianimare i loro compagni caduti. Certo, “Endgame” gioca ai limiti che i fan dell’indeterminazione si aspettano, ma non ha paura di fare qualcosa di molto più importante. Undici anni, 22 film e innumerevoli personaggi in seguito – con poche finalita ‘definitive, almeno una devastante partenza a tutto tondo e senza consolanti avvertimenti per il credito finale – sta facendo il difficile, necessario lavoro di insegnamento di una generazione cresciuta su storie senza fine come dire addio.

 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...